Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia in vernacolo sanvitese di Giuseppe Vita
Puèta
Ca tutti ponnu scrivi' 'na puisìa
lu sannu puru cuiddi menu espierti;
la puè cunziterari 'na fatìa
o cosa ca la fa' cu ti divierti.

Pi ci la scrivi poi comu sia sia,
cá li cosi ca tici no' so' certi,
pó ffa' sarà' passa' la fantasia
a cuiddi tritti e puru a cuiddi shtuerti.

È lu puèta cuddu ca è sicuru
ca quannu scrivi no' nci sbaglia mai,
percé canosci tuttu et è mmaturu.

No' nci ddivienti puèta ti osci a crai,
cá hatà passà' 'na vita e 'nu futuru
e nno' ti vogghiu ddicu quanta 'uai!
 
S.Vito 28/01/2013
 
 
Traduzione:
 
Sonetto in vernacolo sanvitese di Giuseppe Vita
Poeta
 
Poeta
Che tutti possono scrivere una poesia
lo sanno pure quelli meno esperti;
la puoi considerare una fatica
o cosa che la fai per divertirti.

Per chi la scrive poi come sia sia,(senza cognizione)
ché le cose che dice non sono certe,
può far forse passar la fantasia
a quelli dritti e pure a quegli storti.

È il poeta quello che è sicuro
che quando scrive non sbaglia mai,
perché conosce tutto ed è maturo.

Non diventi poeta da oggi a domani,
ché devi passar una vita ed un futuro
e non voglio dirti quanti guai!
 
Sonetto classico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.
Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.