Login

Poesia di Giuseppe Vita
Canta, piccinnu, canta!


Si pó ddiri ca tutti li crishtiani
e ppuru cuiddi ca no' ttennu nienti
si ricordunu tiempi assai luntani,
quannu,piccinni,erunu cuntienti.

Ognunu ti nu' voli cu rritorna
cuddu tiempu ca orama' è passatu,
ma è sulamenti cosa ca si sonna,
percé,si sapi, "ciò ch'è shtatu è shtatu!".

Canta,piccinnu,canta 'na canzona,
cá cusht'è lu mumentu pi cantari;
canta,piccinnu,canta,bballa e ssona,
cá no' ssi sapi ci po' lu puè ffari!

Nu' tutti simu comu li figghiazzi
ca vannu ddò si li porta lu vientu;
puru cuiddi ca tennu li mushtazzi
sentunu,intr'a lloru,'nu lamientu.

'Na cosa sola iu ti vogghiu ddicu,
piccinnu caru, chjnu ti 'llicrìa,
e ti la ticu propriu com'amicu
o comu ci tu si' 'nu figghiu mia:

"Fa' mu' ca sinti 'ncora giovinottu,
ca no' ttieni li 'uäi ti la vita
e ca no' ssinti mancu malritottu,
cuddu ca no' ppuè ffa' quann'è ffinita!".

Traduzione:

Canta,piccolo,canta!


Si può dire che tutte le persone
e pure quelli che non hanno niente
si ricordano tempi assai lontani,
quando,piccoli,erano contenti.

Ognuno di noi vuole che ritorni
quel tempo che oramai è passato,
ma è solamente cosa che si sogna,
perché,si sa,"ciò ch'è stato è stato!".

Canta,piccolo,canta una canzone,
ché quest'è il momento per cantare;
canta,piccolo,canta balla e suona,
ché non si sa se poi potrai farlo!

Noi tutti siamo come le foglie
che vanno dove le porta il vento;
pure quelli che hanno i mustacchi
sentono,dentro di loro,un lamento.

Una cosa sola io voglio dirti,
piccolo caro, pieno di allegria,
e te la dico proprio com'amico
o come se tu sei un figlio mio:

"Fa' ora che sei ancora giovincello,
che non tieni i guai della vita
e che non sei neanche malridotto,
quello che non puoi fare quand'è finita!".

Commenti