Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu picuraru

A llu 'rizzonti sponta già lu soli.
Lassa la massarìa lu picuraru;
penza all'amori e lu cori nci doli,
penza alla bbedda figghia t'lu massaru,
a cuiddi uecchj vierdi comu mari
ca l'hannu fattu propriu 'nnamurari.

Si ssetta sotta 'n arvulu t'aulìa,
'uarda li picureddi pasculari,
nci veni 'n'ogna ti malincunia,
sapi ca no' nci pó ccussì campari;
poi, cu ssi lleva tutti li pinzieri,
pigghia lu flautu e si metti a sunari.

Lu soli già shta pponni a chianu a chianu.
Ti giurni com'a ccuddu n'havi assai;
lu giurnu ti l'amori è assa' luntanu
e ppi iddu no' nci 'rriva quasi mai.
Shtraccu, scuntientu, e , amaru amaru
torna alla massarìa lu picuraru.

Traduzione:

Il pecoraio

All'orizzonte spunta già il sole.
Lascia la masseria il pecoraio;
pensa all'amore e il cuore gli duole,
pensa alla bella figlia del massaio,
a quegli occhi verdi come mare
che l'hanno fatto propro innamorare.

Si siede sotto un ulivo,
guarda le pecorelle pascolare,
gli viene un po' di malinconia,
sa che non può così campare;
poi, per togliersi tutti i pensieri,
prende il flauto e si mette a suonare.

Il sole già tramonta a poco a poco.
Di giorni come quello ne ha parecchi;
il giorno dell'amore è assai lontano
e per lui non arriva quasi mai.
Stanco, scontento e amareggiato
torna alla masseria il pecoraio.

Nota: Poesia in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Descrive la malinconica giornata del pecoraio