Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

panchina
Poesia di Giuseppe Vita 
Suspiru

Succeti spissu, doppu 'na sciurnata
ti sbattimienti, ca si senti shtraccu
'n'ommu ca n'è passati già 'nu saccu
e mu' si voli dda' 'na rinfurzata.

La soluzzioni prima l'è truvata,
ma, muni ca si senti tanta fiaccu,
havà surtantu mettiri 'nu 'mpaccu
a 'ncapu cu s'la senti rinfriscata.

E 'nu suspiru nc'essi ti 'nt'lu cori,
suspiru ca sullievu mu' nci dà,
suspiru ca nci lleva l'amarori.

Suspiru è ssulu fiatu e vali assà'.
Suspiru èti lu pàrputu t'l'amori.
Suspiru è quannu l'ànama s'ni va.

Traduzione
Sospiro
Accade spesso, dopo una giornata
di sbattimenti, che si senta stanco
un uomo che ne ha passate già un sacco
ed ora vuole rinvigorirsi.

La soluzione prima l'ha trovata
ma, ora che si sente tanto fiacco,
deve soltanto mettere un impacco
sulla testa per sentirsela rinfrescata.

E un sospiro gli esce da dentro il cuore,
sospiro che sollievo ora gli dà,
sospiro che gli toglie l'amarezza.

Sospiro è solo fiato e vale assai.
Sopiro è il palpito dell'amore.
Sospiro è quando l'anima se ne va.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.
Schema: ABBA/ABBA, CDC/DCD.