Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Surtantu palori

No' ssulu la pulitaca ti muni
è ffatta ti palori sulamenti,
ma puru li crishtiani so' cuntenti
cu parlunu surtantu e nienti cchiuni.

Shta ci faci prumessi ti migliuni
pi dda' a 'ntenniri ca èti pussitenti,
ma, ci viti, no' tteni propria nienti,
no' nci fatìa e si gratta li cugghiuni.

Scusàti la palora ca è volgari,
ma ci 'na cosa è vera s'hava ddiri,
cá, a vvoti, vali cchiuni lu sghersari

ti li palori, cu ssi pò capiri.
No' vvallu li palori, ma lu dari,
cá, ci no' ddamu, no' putimu aviri!

Traduzione:

Soltanto parole

Non solo la politica di adesso
è fatta di parole solamente,
ma pure le persone son contente
di parlare soltanto e niente più.


C'è chi fa promesse di milioni
per dar a intendere che è possidente,
ma, se vedi, non tiene proprio niente,
non lavora e si gratta i coglioni.


Scusate la parola che è volgare,
ma se una cosa è vera si deve dire,
ché, a volte, vale più lo scherzare

delle parole, per poter capire.
Non valgono le parole, ma il dare,
ché, se non diamo, non possiamo avere!

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABBA/ABBA, CDC/DCD.