Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nascita Ges 2
Poesia di Giuseppe Vita

Sunettu allu Bamminu

"Hannu passatu cchiù ti tomil'anni

  ti quannu Tu nascishti 'nta 'na crotta.

  Tu, Re t'lu Cielu, shtavi senza panni

  intra 'na manciatora malritotta!

  Lu munnu Ti 'spittava cranni cranni

  e no' ca ier'a nasciri ddà ssotta;

  la Mamma Tova cu duluri e affanni

  intra a cuera capanna menza rotta!

  Ccussì ha' vulutu, cu ni fa' capiri

  ca l'um'litati vali 'nta la vita

  e no' ricchezzi e pompi pi putiri

  'rrivari a Te cu l'ànama pulita.

  Bamminu, ni puè a tutti binitiri;

  la mis'ricordia Tova è 'nfinita!".

Traduzione:

Sonetto al Bambino(Gesù)

"Sono passati più di duemil'anni

  da quando Tu nascesti in una grotta.

  Tu, Re del Cielo, stavi senza panni

  in una mangiatoia malridotta!

  Il mondo Ti aspettava grande grande

  e non che saresti nato lì sotto;

  la Mamma Tua con dolori e affanni

  dentro quella capanna mezza rotta!

  Così hai voluto, per farci capire

  ch'è l'umiltà che vale nella vita

  e non ricchezze e pompe per potere

  arrivare a Te con l'anima pulita.

  Bambino, ci puoi tutti benedire;

  la misericordia Tua è infinita!".

 

Sonetto classico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.