Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Sunettu a San Giseppu

Pi San Giseppu scrivu 'shtu sunettu
no' surtantu perc'è lu Santu mia,
ma t'la Sacra Famiglia pi rispettu:
sia ti Iddu, t'lu Bamminu e ti Maria.

Mu', ca no' è cchiù 'na feshta ti precettu,
sintimu tutti quanti nushtalgia
e reshta sempri chiaru lu cuncettu
ca arretu havà turnà', comu sia sia.

"Ha' shtatu lu cchiù giushtu, San Gisè'!
L'attani putativu ti Gesù;
nisciunu Santu è shtatu com'a Te'!

Puru lu falignami ha' fattu Tu
e, comu Diu è vulutu, ccussì fuè!
Culoria a Te', critamu tutti nu'!".

Traduzione.

Sonetto a San Giuseppe


Per San Giuseppe scrivo questo sonetto
non soltanto perché è il Santo mio,
ma della Sacra Famiglia per rispetto:
sia di Lui, del Bambino e di Maria.

Or, che non è più una festa di precetto,
sentiamo tutti quanti nostalgia
e resta sempre chiaro il concetto
che di nuovo tornerà, comunque sia.

"Sei stato il più giusto, San Giusè'!
Il padre putativo di Gesù;
nessun Santo è stato come Te!


Pure il falegname hai fatto Tu
e, come Dio ha voluto, così fu!
Gloria a Te, gridiamo tutti noi!".

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Leggi le Poesie di Giuseppe Vita

Commenti

Potrebbero interessarti