Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Puisìa

Ca li püeti muni sontu assai
si veti a lu computer ca tinimu;
ognunu pó mannà' cce vvoli ormai
e tutti, comu fessi, nu' liggimu.

Si faci pi putiri aviri crai
'nu premiu o puru cuddu ca vulimu,
però è surtantu suennu e non è mai
'na cosa ca ni servi cu vivimu.

Ci si' püeta è mmegghiu cu lu sani
ca pi passioni e amori l'hata fa'!
La püisìa no' ti pó dari pani

e mancu sordi cu t'lu puè ccattà',
ma l'anama ti metti 'ntra li mani
e, sulu cu edda, tu no' puè campà'!

Traduzione:

Poesia


Che i poeti adesso sono assai
si vede al computer che teniamo;
ognuno può mandar che vuole ormai
e tutti, come fessi, noi leggiamo.

Si fa per potere avere domani
un premio o pure quello che vogliamo,
però è soltanto sogno e non è mai
una cosa che ci serve per vivere.

Se sei poeta è meglio che lo sappia
che per passione e amore devi farlo!
La poesia non ti può dare pane

e neanche soldi per poterlo comprar,
ma l'anima ti mette nelle mani
e, solo con lei, tu non puoi campar!

 

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.