Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita No' ssi pó ffari nienti!


Nci shtannu mali ca so' ccussì brutti
ca li crishtiani no' ponnu fa' nienti
pi rimetiari, percé quasi tutti
s'ni vannu allu Criatori mis'ramenti.

La scienza fign'a mu' no' è datu frutti
cu pó 'llivà' tifinitivamenti
tutti 'shti mali e tutti cuishti lutti
ca so' 'na crosa piaca pi la genti.

Sapi quant'atru tiempu havà passari
cu ssi pó ssènti' finalmenti tiri:
" 'Shti mali mu' cchiù nienti ponnu fari!",

però è surtantu cosa ti 'mpacciri!
No' ssi pó ffari nienti pi sanari!
Pi mu' hama suppurtari e poi, muriri!

Traduzione:

Non si può fare niente!

Ci sono mali che son così brutti
che le persone non possono far niente
per rimediare, perché quasi tutti
se ne vanno al Creatore miseramente.

La scienza fino ad ora non ha dato frutti
per poter togliere definitivamente
tutti questo mali e tutti questi lutti
che son una grossa piaga per la gente.

Chissà quant'altro tempo passerà
per poter sentir finalmente dire:
"Questi mali ora più niente possono fare!",

però è soltanto cosa da impazzire!
Non si può fare niente per guarire!
Per ora dobbiam sopportare e poi, morire!

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema rimico: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Potrebbero interessarti