Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
No' l'hama ffa' muriri

'Nu vecchiu va 'ppuggiatu a lu bashtoni

e si shtrascina tuttu scunzulatu;

lu vetu ca mi 'uarda cu 'ttinzioni

e poi mi tici: " 'Iùtimi, shto catu!

 

So' lu Tialettu e nno' so' cchiù vagnoni

e vvogghiu shto cu vu' pi èssi parlatu

e scrittu puru cu cunzit'razzioni,

cá quantu hitù vulutu v'hagghiu datu!".

 

È vveru, lu Tialettu havi rascioni

pi quanta cosi bbelli n'è 'nzignatu;

mammai e tatà ni sontu tishtimoni,

 

percé ti loru nu' n'l'hamù 'mparatu.

Li nonni e tatananni li canzoni

sempri 'n Tialettu loru hannù cantatu.

 

Lu vecchiu hagghù 'iutatu.

No' l'hama ffa' muriri lu Tialettu,

perc'èti cosa degna ti rispettu.

 

Traduzione

Non dobbiam farlo morire

 

Un vecchio va appoggiato al bastone

e si trascina tutto sconsolato;

lo vedo che mi guarda con attenzione

e poi mi dice: "Aiutami, sto cadendo!

 

Son il Dialetto e non son più ragazzo

e voglio star con voi per esser parlato

e scritto pure con considerazione,

ché quanto avete voluto vi ho dato!".

 

È vero, il Dialetto ha ragione

per quante cose belle ci ha insegnato;

mamma e papà ne sono testimoni,

 

perché da loro noi l'abbiam imparato.

I nonni ed i bisnonni le canzoni

sempre in Dialetto loro hanno cantato.

 

Il vecchio ho aiutato.

Non dobbiam far morire il Dialetto,

perché è cosa degna di rispetto.

 

Sonetto continuo e caudato in vernacolo sanvitese(alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, ABA/BAB, bCC.