Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
'Na canzona

Surtantu 'na canzona vogghiu ssentu:
la mamma sempri cuedda m'è cantata
cu mi faceva dòrmiri cuntientu
e havi ti tannu ca m'l'hagghiu 'mparata.

Puru ci n'hagghiu 'ntisi cchiù ti cientu,
nisciuna toci comu cuedda è shtata.
Lu tiempu ormà' è passatu comu vientu,
ma la canzona no' m'l'hagghiu scurdata.

'Na nenna-nenna comu cuedda mai
si pó scurdari, cá shta 'ntra lu cori
e, mu' ca mi shta' 'ccìtunu 'shti 'uai,

mi sentu comu quann'unu shta mmori.
"Canzona mea, iu no' nci 'rrivu a crai;
fammi 'ddurmèsci' e lleva 'shtu dulori!".

Traduzione:

Una canzone

Soltanto una canzone voglio sentire:
la mamma sempre quella m'ha cantata
per farmi dormire contento
ed è da allora che l'ho imparata.

Pure se ne ho sentite più di cento,
nessuna dolce come quella è stata.
Il tempo ormai è passato come vento,
ma la canzone non l'ho scordata.

Una ninnananna come quella mai
si può scordare, ché sta dentro il cuore
e, or che mi stan uccidendo questi guai,

mi sento come quand'uno sta morendo.
"Canzone mia, io non arrivo a domani;
fammi addormentar e togli questo dolore!".

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Leggi le Poesie di Giuseppe Vita