Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Matonna, quant'è bbrutta la jashtema!


Matonna, quant'è bbrutta la jashtema!

È ppesciu ti 'na freccia nvelenata;

ti dà tantu dulori e tanta pena,

percé la vocca ponci cchiù t'la spata.

 

Matonna, quant'è bbrutta la jashtema!

Ti faci perdi' onori e dignità,

comu cani 'ttaccatu alla catena

ca no' lla spiccia cchiuni ti 'bbaià'.

 

Ci poi lu 'Ternupatri

ni manna malannati,

tishtruggi vigna e cranu,

no' n'hama lamintari.

Ci manna lampi, trueni e crananati,

è cca no' vvoli ssènti' jashtimari.

S.Vito 12/02/1963

Traduzione:

Madonna, quant'è brutta la bestemmia!

Madonna, quant'è brutta la bestemmia!

È peggio di una freccia avvelenata;

ti dà tanto dolore e tanta pena,

perché la bocca punge più della spada.

 

Madonna, quant'è brutta la bestemmia!

Ti fa perder onore e dignità,

come cane legato alla catena

che non la smette più di abbaiar.

 

Se poi l'Eterno Padre

ci manda cattive annate,

distrugge vigna e grano,

non dobbiamo lamentarci.

Se manda lampi, tuoni e grandinate,

è che non vuol sentire bestemmiare.