Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu tialettu santuvitesi


Ti Brinnisi so' vinti li cumuni.
Li tialetti so' puru 'natrettanta,
ma ci li parla sontu cchiù vagnuni
e no' ci t'lu 'taglianu si ni vanta.

Ti lu tialettu simu cchiù patruni,
cá t'la famiglia è voci sacrusanta.
La mamma n'l'è 'nzignatu a mushtazzuni
e cchiù nui lu parlamu e cchiù ni 'ncanta.

Cuddu santuvitesi è lu cchiù schiettu,
percè èti comu cuddu siciglianu,
tialettu ca è 'nvintatu lu sunettu.

È ccosa ti 'nu tiempu assai luntanu.
No' n'hama virgugnari t'lu tialettu,
cá lu santuvitesi è lu cchiù sanu.


Traduzione:

Il dialetto sanvitese


Di Brindisi son venti i comuni.
I dialetti son pure altrettanti,
ma chi li parla sono più ragazzi
e non chi dell'italiano se ne vanta

Del dialetto siamo più padroni,
ché della famiglia è voce sacrosanta.
La mamma ce l'ha insegnato a sberle
e più noi lo parliamo e più ci incanta.

Quello sanvitese è il più schietto,
perché è come quello siciliano,
dialetto che ha inventato il sonetto.

È cosa di un tempo assai lontano.
Non dobbiam vergognarci del dialetto,
ché il sanvitese è il più sano.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema. ABAB/ABAB, CDC/DCD.