Poesia di Giuseppe Vita - Lu sunettu

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
Lu sunettu

 Cu llu sunettu si pò ddiri tuttu

toppu ca è comu 'na puisìa all'antica.

Puè ffa' 'nu cumplimentu bellu o bruttu

o sia la dèdaca a 'na bbedda amica.

 

 

Però, 'ttinzioni, ci tu vuè lu fruttu

ha' ffa' 'nu versu giushtu pi ogni rica

scrivennu quantu l'ànama t'è nnuttu

e ogni simenti t'hava dda' 'na spica.

 

 

Lu schema, già si sapi, è cuddu ca èti,

la cosa cchiù 'mpurtanti po' è la rima

e, mentri scrivi, tu l'hatà fa' vèti'

 

 

ca nu' scrivimu megghiu cchiù ti prima

e no' dda' retta a cuddu ca si creti

ca lu püèta havà avi' sulu shtima.

 

 

Hatà 'rrivà alla cima,

cá è lu sunettu ca èti cchiù puisìa

ti quantu è scrittu mu' comu sia sia.

 

 

Traduzione
Il sonetto 

Con il sonetto si può dire tutto

anche se è come una poesia all'antica.

Puoi far un complimento bello o brutto

o pur la dedica a una bell'amica.

 

 

Pero, attenzione, se tu vuoi il frutto

devi far un verso giusto per ogni riga

scrivendo quanto l'anima ti ha suggerito

e ogni seme ti darà una spiga.

 

 

Lo schema, già si sa, è quello che è,

la cosa più importante poi è la rima

e, mentre scirivi, tu devi far veder

 

 

che noi scriviamo ancor meglio di prima

e non dar retta a quello che crede

che il poeta deve aver solo stima.

 

 

Devi arrivar in cima,

ché è il sonetto ad esser più poesia

di quanto è scritto adesso a casaccio.

 

 

San Vito 11/01/2013

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.