Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu 'ssinziali

Ti quannu munnu è munnu si pó ddì'
ca no' ssi faci quantu s'hava ffa',
percé nu' tutti 'ncora hamà capì'
a quali cosi giushti hamà 'bbatà'.

No' ssulu nui hamà putiri avì'
cuddu ca è nicissariu pi campà'
ma, pi coscienza, ognunu havà ssapì'
ca quarche ccosa all'atri nc'hava dda'.

A cuiddi ca no' pponnu 'nnanti sci',
percé no' ttennu nienti ti mancià',
nu' nc'hama dda', no' l'hama ffa' murì'.

L'unu cu l'atru nu' n'hamà 'iutà',
cá lu 'ssinziali è cushtu et è ccussì
e cueshta è leggi pi l'umanità!

Traduzione:

L'essenziale


Da quando mondo è mondo si può dir
che non si fa quanto si deve far,
perché noi tutti ancor dobbiam capir
a quali cose giuste dobbiam badar.

Non solo noi dobbiam poter aver
quello ch'è necessario per campar,
ma, per coscienza, ognun deve saper
che qualche cosa agli altri deve dar.

A quelli che non posson avanti andar,
perché non hanno niente da mangiar,
noi dobbiam dar, non dobiam farli morir.

L'uno con l'altro noi ci dobbiam aiutar,
ché l'essenziale è questo ed è così
e questa è legge per l'umanità!

Sonetto continuo e tronco in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

 Schema: ABAB/ABAB, ABA/BAB. Tutti gli endecasillabi sono tronchi

Commenti

Potrebbero interessarti