Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sonetto dialettale
di Giuseppe Vita
Lu puddicashtru

Quannu 'rrivava Pasca si faceva
'na cosa toci cu si fishtisciava;
la mamma lu vantìli si mitteva
e poi li manichi si 'nfurdicava.

Pigghiava tuttu cuddu ca serveva
pi ffa' lu puddicashtru e shtrimpulava
fign'a quannu la pashta no' nc'asseva
lùciata e toshta e doppu la tagghiava.

Li shtuezzi li 'llungava cu li mani,
li mitteva sobbr'allu tavulieri
e puru ovi llissati sani sani.

Pi ognunu usava li shtessi maneri
ca usava quannu faceva lu pani.
Allu centru mitteva l'ovi 'nteri.

Et èrunu ovi veri!

Lu puddicashtru è ccosa ormà' passata,
cá muni l'ovi so' ti cicculata!

Traduzione:

Il puddicastro (dolce pasquale)

Quando arrivava Pasqua si faceva
una cosa dolce per festeggiare;
la mamma il grembiule si metteva
e poi le maniche si rimboccava.

Prendeva tutto quello che serviva
per far il puddicastro ed impastava
fino a quando la pasta non usciva
lucida e dura e dopo la tagliava.

I pezzi li allungava con le mani,
li metteva sopra la spianatoia
e pure uova lessate integralmente.

Per ognuno usava le stesse maniere
che usava quando faceva il pane.
Al centro metteva le uova intere.

Ed erano uova vere!
Il puddicastro è cosa ormai passata,
ché ora le uova son di cioccolato!

Nota: Sonetto caudato in vernacolo sanvitese. Il puddicastro è il dolce pasquale tipico sanvitese
di antica tradizione e si faceva in casa. Era fatto di pasta frolla con al centro uova sode intere.
Cosa passata!