Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
Lu premiu Nobel

È vveru ca ci faci cu sapienza

li cosi ca no' tutti sannu fari

pò avì' 'nu premiu comu ricumpenza

e pò lu cchiù 'mpurtanti ddivintari.

 

Ma ci so' assai ca cu la 'ntilicenza

riescunu a scrivi' e puru a prubbicari,

percé a unu sulu, senz'avì' cuscienza,

e all'atri no', lu premiu l'hanna ddari?

 

Et èti propria 'nta la lettratura,

'addo' lu premiu Nobel veni datu

surtantu a ci è tinutu la bravura.

 

E l'atri pi cce ccosa hannù sutatu?

Ni pari ca cuesht'è 'na fricatura,

'nu veru 'mbruegghiu ca s'hannù 'nvintatu.

 

Ormà' tuttu è scigghiatu.

Lu premiu Nobel no' pò avì' valori

ci puru ti l'atri èti lu sutori.

Traduzione

Il premio Nobel

È vero che chi fa con sapienza

le cose che non tutti sanno fare

può aver un premio come ricompensa

e può il più importante diventare.

 

Ma se son tanti che con l'intelligenza

riescono a scriver e anche a pubblicare,

perché a uno solo, senz'aver coscienza,

e agli altri non, daranno il premio?

 

Ed è proprio nella letteratura,

laddove il premio Nobel viene dato

soltanto a chi ha avuto la bravura.

 

E gli altri per che cosa hanno sudato?

Ci pare che questa sia una fregatura,

un vero imbroglio che si sono inventato.

 

Ormai tutto è scompigliato.

Il premio Nobel non può aver valore

se anche degli altri è il sudore.

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese(alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.