Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu poshtu fissu

So' propriu assai li giuvini ti mu'
e ssontu quasi tutti laurïati,
ma lu fattu è ca so' tisoccupati,
percé ti poshti no' no shtannu cchiù.

 "Ma vu' no' ssiti propriu com'a nu'
ca pi fatià' cuntammu li sciurnati;
ci cchiù ti tutti l'atri n'è ccucchjati
mu' ti pinzioni pigghja cchiù ti vu'!

 No' llu sapiti cce t'è lu dasciunu :
quannu no' ttieni nienti ti mancià'
è comu ci shta' pesciu ti li cani,

cá la fatìa t'la manci comu pani!

Hità ssapì' ca ti 'shti tiempi cqua

lu poshtu fissu no' v'lu dà nisciunu!".

 

 Traduzione:

 Il posto fisso

 Son proprio tanti i giovani di adesso
e sono quasi tutti laureati,
ma il fatto è che son disoccupati,
perché posti non ce ne sono più.

"Ma voi non siete proprio come noi
che per lavorar contavamo le giornate;
chi più di tutti gli altri ne ha cumulate
or di pensione prende più di voi!

Non lo sapete cos'è il digiuno :
quando non tieni niente da mangiar
è come se stai peggio dei cani, 
ché la fatica mangi come pane!

Sappiate che in questi tempi qua
il posto fisso non ve lo dà nessuno!".

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema rimico: ABBA/ABBA, CDE/EDC.

Commenti

Potrebbero interessarti