Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-giuseppe-vita/poesia-di-giuseppe-vita-lu-natali-t-li-puvirieddi.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2l1c2VwcGUtdml0YS9wb2VzaWEtZGktZ2l1c2VwcGUtdml0YS1sdS1uYXRhbGktdC1saS1wdXZpcmllZGRpLmh0bWw=
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    Poesia di Giuseppe Vita
    Lu Natali t'li puvirieddi

    Poesia di Natale in vernacolo sanvitese


    Shtamu a ticembri e fra picca è Natali,
    la feshta ca 'spittamu tuttu l'annu,
    siccomu tutti li crishtiani sannu
    ca, quannu 'rriva, ni passa ogni mali.


    Ti sera tanta luci a 'ntermittenza;
    shtrati e balcuni tutti 'lluminati;
    ci va, ci veni, ci faci spisati
    pi onorari 'shta santa ricurrenza.

    E quasi tutti ccattunu ricali
    pi lli parienti e ppuru pi l'amici
    e fannu feshta ca, comu si tici:
    " 'Na vota all'annu veni lu Natali!".

    So' giurni ca si senti 'ntra lu cori
    lu sensu t'amicizzia e fratillanza,
    cá tutti hamà tiniri la crïanza
    cu ddamu all'atri tantu bbeni e amori.

    E shtannu puru cuiddi puvirieddi
    ca fannu lu Natali cu cuscienza
    e vvollu, cchiù ti tuttu, la prisenza
    ti lu Bamminu cu li picureddi.

    Si 'rranciunu cu ccosi ca già tennu
    rruccati pi 'shta vecchia tradizzioni:
    pashtori, picureddi e 'llum'nazzioni.
    Si 'ngegnunu, ca perdunu lu suennu

    cu ffannu lu prisebbiu pi Natali.
    Li pèttili la sera t'la visciglia
    e nient'atru lu cori nci cunsiglia;
    pi lloru puru l'addasciunu vali.

    Sobbra la crotta shta 'na shtella cranni
    e l'àncili vulannu com'aucieddi.
    Prisebbiu ca si faci tutti l'anni.
    È lu Natali ti li puvirieddi!

    Traduzione:

    Il Natale dei poverelli


    Stiamo a dicembre e fra poco è Natale,
    la festa che aspettiamo tutto l'anno,
    siccome tutte le persone sanno
    che, quando arriva, ci passa ogni male.

    Di sera tante luci ad intermittenza;
    strade e balconi tutti illuminati;
    chi va, chi viene, chi fa spese
    per onorare questa santa ricorrenza.

    E quasi tutti comprono regali
    per i parenti e pure per gli amici
    e fanno festa che, come si dice:
    "Una volta all'anno viene il Natale!".

    Son giorni che si sente dentro il cuore
    il senso d'amicizia e fratellanza,
    ché tutti dobbiam avere la creanza
    di dare agli altri tanto bene e amore.

    E stanno pure quelli poverelli
    che fanno il Natale con coscienza
    e voglion, più di tutto, la presenza
    del Bambino (Gesù) con le pecorelle.

    Si arrangiano con cose già tengono
    conservate per questa vecchia tradizione:
    pastori, pecorelle e illuminazioni.
    S'ingegnano, che perdono il sonno

    per fare il presepe per Natale.
    Le pèttole(frittelle locali prettamente natalizie) la sera della vigilia
    e nient'altro il cuore li consiglia;
    per loro pure il digiuno vale.

    Sopra la grotta sta una stella grande
    e gli angeli volando come uccelli.
    Presepe che si fa tutti gli anni.
    È il Natale dei poverelli!

     

    Commenti

    Potrebbero interessarti