Poesia di Giuseppe Vita - Lu cumpleannu mia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
Lu cumpleannu mia

No' ssacciu ci èti buenu o ci èti fiaccu

sapiri ca osci è lu cumpleannu mia,

cá, doppo settant'anni, sontu shtraccu

e ssentu ca mi manca la 'llicrìa

 

Quann'era giovin'iu tinèa 'nu saccu

ti priesciu e puru tanta fantasia,

ma mu' la raggia tegnu e vogghju spaccu

cce trovu trovu, cu malincunia.

 

Però cuesht'è 'na cosa pirsunali

ca si prisenta a 'na certa etati

e ca no' tutti sentunu lu mali.

 

A ci è giovini pari sempri 'shtati

lu tiempu ti lu vecchiu ca è 'nvirnali.

Lu cumpleannu mia mi dà chitrati.

 

Traduzione
Il mio compleanno

Non so se faccia bene o se faccia male

sapere che oggi ricorre il mio compleanno,

ché, oltre i settant'anni(d'età), sono stanco

e sento che mi manca l'allegria.

 

Quand'ero giovane io provavo un sacco

di gioia ed avevo tanta fantasia,

ma ora mi prende la rabbia e voglio spaccare

ciò che si presenta, con malinconia.

 

Però questa è una cosa personale

che si manifesta ad una certa età

e non tutti ne avvertono la negatività.

 

A chi è giovane appare estate

il tempo che per il vecchio è invernale.

Il mio compleanno mi arreca gelate.

 

San Vito 14/04/2018

Sonetto classico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.