Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Laurieddu


Ogni notti, quannu dormu,
sentu sobbra lu cuscinu
quarche cosa ca camina
e mi faci ddiscità'.

Vetu ca no' nci shta nienti
e 'ddurmescu 'n'atra vota,
ma 'nu pisu propria 'n piettu
no' mi faci rispirà'.

"Laurieddu, laurieddu,
fammi dòrmi' e ripusà';
ci ti llevu lu cappieddu
no' llu sa' cce m'hata dà'!

M'hata dà' cce dicu iu
ci tu vuè lu cuppulinu,
'nu pitaru chjnu chjnu
ti brillanti a quantità!".

E 'na sera mi vo corcu.
Fazzu finta ca shto dormu
e po', senza cu mi ssormu,
'uantu iddu e lu torcu

Tannu sentu 'nu lamientu,
chianci comu 'nu piccinnu,
ma mi pigghia 'nu spavientu
e lu lassu poi scappà'.

"Laurieddu ti la mamma,
muni t'hagghiu canusciutu,
ieri appena ti do' anni
quannu tuni ti n'ha' sciutu!

Mu' no' ti ni sciri cchiuni,
shtatti cu la mamma tova
ca è rimashta sola sola
e no' ssapi cce hava ffà'!

Laurieddu, laurieddu,
ieri propriu ccussì bbeddu,
bbeddu comu 'nu piruddu
ca no' ti pozzu scurdà'!",

Traduzione:

Folletto

Ogni notte, quando dormo,
sento sopra il cuscino
qualche cosa che cammina
e mi fa svegliar.

Vedo che non c'è niente
e m'addormento di nuovo,
ma un peso proprio in petto
non mi fa respirar.

"Folletto, folletto,
fammi dormir e riposar;
se ti tolgo il berretto
non lo sai cosa mi darai!

Mi darai che dico io
se tu vuoi il berrettino,
una giara piena piena
di diamanti a quantità!".

E una sera vado a coricarmi.
Faccio finta di dormire
e poi, senza impressionarmi,
agguanto lui e lo torco.

Allora sento un lamento,
piange come un bambino,
ma mi prende uno spavento
e lo lascio poi scappar.


"Folletto della mamma,
ora t'ho riconosciuto;
eri appena di due anni
quando te ne sei andato!

Ora non andartene più,
rimani con la mamma tua
che è rimasta sola sola
e non sa cosa far!

Folletto, folletto,
eri proprio così bello,
bello come una piccola pera
che non ti posso scordar!".

Nota: Poesia in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.