Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

eden
Poesia di Giuseppe Vita 
La vita è 'nu ricalu

Quannu nascimu no' ssapimu nienti
t'la vita, cá nu' no' la canuscimu,
ccussì vivimu spinzieratamenti,
percé prubblemi nu' no' ni tinimu.

E mentri ca criscimu, 'nta la menti
si formunu pinzieri e nu' capimu
quantu la vita è bbella veramenti
e tuttu cuddu ca intra a nu' sintimu.

Ti cranni ni facimu lu cuncettu
ca 'nta 'shtu munnu manca quarche cosa
pi viviri cu amori e cu rispettu

'shta vita ca è ccussì maravigliosa.
Nienti cchiù 'uerri, ma surtantu affettu;
nienti cchiù spini, ma 'na sola rosa.

'Na cosa dignitosa:
la vita è 'nu ricalu ca Diu faci
a nui, cu la vivimu 'n santa paci.

Traduzione
La vita è un regalo
Quando nasciamo non sappiamo niente
della vita, ché noi non la conosciamo,
così viviamo spensieratamente,
perché problemi noi non ne abbiamo.

E mentre cresciamo, nella mente
si formano pensieri e noi capiamo
quanto la vita è bella veramante
e tutto quello che dentro di noi sentiamo.

Da grandi ci facciamo il concetto
che in questo mondo manca qualcosa
per vivere con amore e con rispetto

questa vita che è così meravigliosa.
Niente più guerre, ma soltanto affetto;
niente più spine, ma una sola rosa.

Una cosa dignitosa:
la vita è un regalo che Dio fa
a noi, per viverla in santa pace.


Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.
Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.