Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
La veritati

Nu' tutti ni sintimu prioccupati,
cá no' ssimu capaci ti capiri
com'hama ffari pi putì' sapiri
qual èti e cce cos'è la veritati.

Eppuru ni sintimu priparati!
Raggiunamu, ma no' putimu sciri
'nnanti, cá provi no' s'ni ponnu aviri
e ni fermamu sempri sfituciati.

È propriu tannu ca nu' hamà pinzari:
"Ma shta o no' nci shta ci n'è crïatu?
Ci shta, percé ni faci scunfitari?

È vveru o non è vveru ca Iddu è shtatu
ca è ffattu sia la Terra cce lu mari?
Ci è vveru, pi cce l'hamu 'bbandunatu?".

Traduzione:

La verità


Noi tutti ci sentiamo preoccupati,
ché non siamo capaci di capire
come dobbiam fare per poter sapere
qual è e che cos'è la verità.

Eppure ci sentiamo preparati!
Ragioniamo, ma non possiamo andare
avanti, ché prove non se ne possono avere
e ci fermiamo sempre sfiduciati.

È proprio allora che noi dobbiam pensare:
"Ma c'è o non c'è chi ci ha creati?
Se c'è, perché ci fa sconfidare?

È vero o non è vero che Lui è stato
che ha fatto sia la Terra che il mare?
Se è vero, per che l'abbiamo abbandonato?".

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa

traduzione. Schema: ABBA/ABBA, CDC/DCD.

Leggi le Poesie di Giuseppe Vita

Potrebbero interessarti