Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
La Ripubblaca 'Tagliana

Ogni annu lu toi giugnu si fishtescia,
essennu ormai 'na cosa assai saputa.
Ogni 'taglianu cu edda si ni prescia,
cá tutti quanti l'hannu benvuluta.

Lu shtemma sua è 'na cosa ca carescia:
l'aulìa, la paci ca è ti nui vuluta;
la gnanna è fforza ca no' nci vintescia;
la rota, la fatìa, cú no' è furnuta.

Lu centru, ca è lu sìmbulu t'l'Itaglia,
la shtella ca nu' tutti hamà purtari
pi putì venci' sempri la battaglia.

Nu' sempri 'nziemi hamà ssapiri shtari.
Havà pajari ci ncununu sbaglia.
Ci pi l'Itaglia è muertu hamà onorari.

E tutti hamà critari:
"È la Nazzioni nostra la cchiù umana!
Evviva la Ripubblaca 'Tagliana!".

Traduzione
La Repubblica Italiana

Ogni anno il due giugno si festeggia,
essendo ormai una cosa assai saputa.
Ogni italiano con lei si rallegra,
ché tutti quanti l'hanno benvoluta.

L'emblema suo è una cosa che trasporta:
l'ulivo, la pace che è da noi voluta;
la quercia è forza che non teme il vento;
la ruota, il lavoro, ché non sia mancante.

Il centro, che è il simbolo dell'Itaglia,
la stella che noi tutti dobbiam portare
per poter vincer sempre la battaglia.

Noi sempre insieme dobbiam saper stare.
Dovrà pagare se qualcuno sbaglia.
Chi per l'Italia è morto onoreremo.

E tutti dobbiam gridare:
"È la Nazione nostra la più umana!
Evviva la Repubblica Italiana!".

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione. Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.

Commenti

Potrebbero interessarti