Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-giuseppe-vita/poesia-di-giuseppe-vita-la-meta.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2l1c2VwcGUtdml0YS9wb2VzaWEtZGktZ2l1c2VwcGUtdml0YS1sYS1tZXRhLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Giuseppe Vita 
    La meta

    Ognun di noi, da ch'è venuto al mondo,

    escluso quello che non è normale,

    ha, chiuso in sé, qualcosa di profondo

    che lo conduce verso l'ideale.

     

    Lui si prefigge d'arrivare in fondo

    nel modo che ritiene naturale,

    ma rischia di girar la Terra in tondo,

    se quello che lui cerca è inusuale.

     

    Si sa, però, che l'uomo non s'appaga

    con ciò che in questo mondo non rimbomba,

    per cui vuol una fama che dilaga.

     

    Giammai si ferma. Avanza a suon di tromba.

    Va verso la sua meta. Sempre vaga,

     finché non la raggiunge. La sua tomba.

    Sonetto classico. Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

    Commenti

    Potrebbero interessarti