Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

libri
Poesia di Giuseppe Vita 
La 'gnurantità 

'Na cosa shta ca pó crïàri 'uai
et èti propria la 'gnurantità:
pi ccosi ca no' ss'è 'mparatu mai,
a ci la teni, sia pi eretità.

'Gnuranti nasci ci è filici assai,
cá nienti lu pó ffa' prïoccupà',
ma ci 'gnuranti reshta fign'a crai,
osci iddu 'uai a tutti havà crïà'.

Shta puru cuddu ca la faci apposhta
in motu cu s'la pó passari liscia,
ma a vvoti pó succeti' ca li coshta

cchiù cara quannu trova ci lu lliscia.
È vveru ca la canuscenza è toshta,
ma allu surpassu hamà 'uardà' la shtriscia.

Traduzione
L'ignoranza
Una cosa c'è che può creare guai
ed è proprio l'ignoranza:
per cose che non ha imparato mai,
chi ce l'ha, sia per eredità

Ignorante nasce chi è felice assai,
ché niente può preoccuparlo,
ma se ignorante resta fino a domani,
oggi lui guai a tutti deve crear.

C'è pure quello che la fa apposta
in modo che possa passarla liscia,
ma a volte può succeder che gli costi

più cara quando trova chi lo picchia.
È vero che la conoscenza è dura,
ma nel sorpasso dobbiam guardar la striscia.


Sonetto classico in vernacolo sanvitese (alto salentino)
con relativa traduzione. Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.