Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
La forza t'la mùsaca


Quannu ni veni la malincunia,
la megghiu cosa ca putimu fari
è ssèntiri 'na bbella milutìa,
in motu ca n'la pozza fa' passari.

E puru ci tinimu nushtalgìa
ti cosi ca no' ponnu cchiù turnari,
è 'na canzona, comu 'na mascìa,
ca a cuiddi tiempi ni pó trascinari.

Faci vinì' lu chiantu senz'avvisu
e pari comu ci è 'na cosa vera,
toppu ca poi sparesci allu 'mpruvvisu.

La mùsaca èti comu la prichiera:
faci 'rrivà' lu cori 'n Paratisu
e l'ànama ddiventa cchiù liggiera.

Traduzione

La forza della musica

Quando ci viene la malinconia,
la miglior cosa che posiamo fare
è sentire una bella melodia,
in modo che ce la possa far passare.

E pure se teniamo nostalgia
di cose che non posson più tornare,
è una canzone, come una magia,
che in quei tempi ci può trascinare.

Fa venire il pianto senz'avviso
e pare come se sia una cosa vera,
anche se poi sparisce all'improvviso.

La musica è come la preghiera:
fa arrivar il cuore in Paradiso
e l'anima diventa più leggera.

Nota: Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.
Schema rimico: ABAB/ABAB, CDC/DCD.