Poesia di Giuseppe Vita - La feshta t'li fatiaturi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
La feshta t'li fatiaturi

Osci è lu Primu Masciu e vvogghiu cantu

'nziem'alli fatiaturi ti 'shtu munnu,

cá hagghiu shtatu a fatià' fign'a lu funnu

e pi lu pani hagghiù sutatu tantu.

 

Pur'iu so' com'a l'atri e mi ni vantu.

'Shtu giurnu vogghiu shto senza lu cciunnu,

manciannu, cú mi fazzu tunnu tunnu

e cú no' pò viniri cchiù lu chiantu.

 

Osci è la feshta ti li fatiaturi,

cuiddi ca tennu onori e dignità

e ssentunu t'la vita lu valori.

 

Sulu ci teni 'n'ànama e 'nu cori

crita ca la fatìa no' havà mancà',

ci no pi la famiglia so' duluri.

Traduzione
La festa dei lavoratori

Oggi è il Primo Maggio e voglio cantar

insieme ai lavoratori di questo mondo,

ché son stato a lavorar fino in fondo

e per  il pane ho sudato tanto.

 

Pur io son come gli altri e me ne vanto.

Questo giorno voglio star senza il broncio,

mangiando, acché diventi più energico

e ché non possa venir più il pianto.

 

Oggi è la festa dei lavoratori,

quelli che hanno onore e dignità

e sentono della vita il valore.

 

Solo chi ha un'anima ed un cuore

grida che il lavoro non deve mancar,

se no per la famiglia son dolori.

San Vito 01/05/2016

Sonetto di genere stilnovistico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABBA/ABBA, CDE/EDC.

Potrebbero interessarti