Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
La feshta t'la mamma

Lu nomi o l'anni sua no' so' 'mpurtanti,

percé osci no' è lu Santu o cumpleannu,

ma èti la feshta ti la mamma e ogni annu

nu' l'hama fishtisciari tutti quanti.

 

Osci l'hamà trattari cu li 'uanti.

No' l'hama ffa' sintì' nisciun'affannu,

perc'edda n'è crisciuti e havi ti tannu:

prima ti nasci' n'è purtati 'nnanti.

 

Nci shtannu puru cuiddi com'a mme

ca mu' la mamma no' la tennu cchiù,

ma sentunu lu shtessu 'ntra lu cori

 

l'amori pi edda e puru lu dulori

e fannu feshta 'nziem'a tutti nu',

cá, comu osci, nisciuna feshta nc'è.

 

"Ué, ma', shto pènzu' a te'!

  Lu sacciu ca tu mi shta' 'spiètti' ddà;

  'ntra picca, ma', t'hagghià vinì' truvà'!".

Traduzione
La festa della mamma

Il nome o gli anni suoi non hanno importanza,

perché oggi non è l'onomastico o il compleanno,

ma è la festa della mamma e ogni anno

noi la festeggeremo tutti quanti.

 

Oggi la tratteremo con riguardo.

Non le farem sentir nessun affanno,

perché lei ci ha cresciuti ed è da allora:

prima di nascer ci ha portati in grembo.

 

Ci sono pure quelli come me

che ora la mamma non hanno più,

ma sentono ugualmente dentro il cuore

 

l'amore per lei e pure il dolore

e festeggiano insieme a tutti noi,

ché, come oggi, nessuna festa c'è.

 

"Ehi, mamma, sto pensando a te!

  Lo so che tu mi stai aspettando là;

  tra poco, mamma, verrò a trovarti!".

San Vito 08/05/2016

Sonetto caudato di genere stilnovistico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione. Schema: ABBA/ABBA, CDE/EDC, cFF.

Potrebbero interessarti