Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
La fatìa

'Na vota, quannu nc'era tanta fami,
tineva ognunu la fatìä sova;
ci lu villanu, ci lu falignami
e tutti si mittevunu alla prova.

E nno' comu osci ca hava ffa' li 'sami
ci 'nu poshtu o 'nu 'mpiecu voli tròva'
e nno' bbashta cu ddì' comu ti chiami
pi putì aviri 'na fatìä nova.

Mu', ti 'shti tiempi, shtamu tutti bueni.
Nisciunu, comu prima, è fatiatori,
cá nc'è cchiù ci sordi non ni teni.

Orma' no' ssi fatìa cu lu sutori,
perc'èti cosa ca no' ni cunvieni
e pó ffa' scazzicari 'nu dulori

Ognunu èti signori,
però, quann'è la ventri ca ni tuzza,
hamà fatià', ci puru no' ni 'ncuzza!

Traduzione:

Il lavoro


Una volta, quando c'era tanta fame,
teneva ognuno il lavoro suo;
chi il villano, chi il falegname
e tutti si mettevano alla prova.

E non come oggi che deve far gli esami
chi un posto od un impiego vuol trovar
e non basta dire come ti chiami
per poter avere un lavoro nuovo.

Or, in questi tempi, stiamo tutti bene.
Nessuno, come prima, è lavoratore,
ché non c'è più chi soldi non ne ha.

Ormai non si lavora col sudore,
perch'è cosa che non ci conviene
e può far insorgere un dolore.

Ognuno è signore,
però, quand'è il ventre che ci bussa,
dobbiam lavorar, anche se non lo vogliamo!

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.