Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
La Culoria t'na vota

Ci pensu a quann'iu era 'nu vagnoni
ca no' tineva manco sett'ott'anni,
mi pari chiaru ca la divuzioni
ti tannu era, 'ncunfrontu a mu', cchiù granni.

Tifatti, ti la Sittimana Santa
m'ni sceva 'nziem'a lli cumpagni mia
a visità' li chiesi e, ognittanta,
prïàva sia Gesù e sia Maria.

Ti lu Sàbbutu Santu poi la sera
ni ccucchjammu pi sciri alla Culoria,
'na cosa ccussì bbella e tantu vera
ca reshta sempri intra la mimoria.

Ni priparammu tutti 'nu shtrumentu:
trènala, tricchi-tracchi o tammurrieddu
pi ffari feshta a cuddu gran mumentu
sia cu lu cori cce cu lu cirvieddu.

Quannu 'rrivava poi la menzanotti
lu sacrishtanu azzava lu lanzulu
e, mentri si sparavunu li bbotti,
Gesù si ni vulava sulu sulu.

Allora ognunu usava lu shtrumentu
e gritava: "Culoria a Te, Signori!".
Iu, tannu, mi sinteva cchiù cuntientu,
percé m'anchjeva ti Divinu Amori.

E tutti li crishtiani com'a mme,
'nginucchiati cu tanta divuzioni,
'uardavunu Gesù, lu Re t'li Re,
cá già era Pasca ti Risurrezioni.

È Pasca, forza anchjti li canishtri!
Anchjt'li cu ogni bbeni t'lu Crïatu!
Ludati Diu cu piatti e cu li sishtri!
Ludati Crishtu ca è risuscitatu!


Traduzione:

Il Gloria (pasquale) d'una volta

Se penso a quand'io ero un ragazzo
che avevo appena sette od otto anni,
mi pare chiaro che la devozione
di allora era, rispetto ad ora, più grande.

Difatti, durante la Settimana Santa
andavo insieme ai compagni miei
a visitar le chiese e, ogni tanto,
pregavo sia Gesù e sia Maria.

Del Sabato Santo poi la sera
ci univamo per andare al Gloria,
una cosa così bella a tanto vera
che resta sempre dentro la memoria.

Ci preparavamo tutti uno strumento:
raganella, tric-trac o tamburello
per fare festa in quel gran momento
sia col cuore che col cervello.

Quando arrivava poi la mezzanotte
il sagrestano alzava il lenzuolo
e, mentre si sparavano i botti,
Gesù s'involava solo solo.

Allora ognuno usava lo strumento
e gridava: "Glora a Te, Signore!".
Io, allora, mi sentivo più contento,
perché mi riempivo di Divino Amore.

E tutte le persone come me,
inginocchiate con tanta devozione,
guardavano Gesù, il Re dei Re,
ché già era Pasqua di Resurrezione.

È Pasqua, orsù riempite i canestri!
Riempiteli con ogni bene del Creato!
Lodate Dio con cimbali e con i sistri!*
Lodate Cristo che è risorto!

*sistri : antichissimi strumenti a scuotimento citati nel Salmo 150.

Questo era il Gloria che fino a cinque anni fa si celebrava nel mio paese
per festeggiare la Pasqua di Resurrezione. Adesso è in disuso.

Commenti

Potrebbero interessarti