Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Hamu rimashti suli!


Quannu facimu vecchj è 'nu prubblema,
cá propriu tannu vennu tanta 'uai.
Vuè o no' vuè ti scappa 'na jashtema
ca nfign'a mu' no' t'è scappata mai.

Purtroppu hamà truvari lu sishtema
cu sciamu 'nnanti armenu fign'a crai.
Mugghièrama si senti comu scema,
percé li 'uai ca teni sontu assai.

"Hamu rimashti suli, iu e te,
mugghièri mea, e no' nci shta nisciunu
t'li figghj nueshtri, toppu ca so' tre

cchiù 'na mugghièri ca tennu pitunu!
Mbrazzàmini e shtrincim'ni forti forti,
cá si 'vvicina l'ora ti la morti!".

Traduzione:

Siamo rimasti soli!

Quando diventiamo vecchi è un problema,
ché proprio allora vengono tanti guai.
Vuoi o non vuoi ti scappa una bestemmia
che fino ad ora non t'è scappata mai.

Purtroppo dobbiamo trovare il sistema
per andare avanti almeno fino a domani.
Mia moglie si sente come scema,
perché i guai che ha sono tanti.

"Siamo rimasti soli, io e te,
moglie mia, e non c'è nessuno
dei figli nostri, anche se sono tre

più una moglie che hanno per ciascuno!
Abbracciamoci e stringiamoci forte forte,
ché si avvicina l'ora della morte!".

Sonetto in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DEE.