Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita 
Cuntientu sontu t'lu tialettu mia

Iu penzu ca la lengua cchiù parlata

è cuedda t'lu päìsi ddo' hamu natu

e no' la lengua ca nu' hamù shtutiata

quann'alli scoli scemmu 'nt'lu passatu.

 

Ca lu tialettu no' è 'na puttanata

è cchiù cce certu, cá n'l'hamù 'mparatu

a casa noshtra cu la voci azzata,

ccussì, ti tannu no' n'l'hamù scurdatu.

 

Cuntientu sontu t'lu tialettu mia

ca ti la mamma mea teni la voci

e ca mi spira tanta nushtalgia

 

ti sierma ca parlava toci toci.

Critìtimi, nci tegnu allu tialettu,

ci no no' l'era scrittu 'shtu sunettu!

 

Traduzione

Contento sono del mio dialetto 

Io penso che la lingua più parlata

sia quella del paese dove siamo nati(e viviamo)

e non la lingua che noi abbiamo studiata

quando un tempo andavamo a scuola.

 

Che il dialetto non sia una stupidaggine

è più che certo, ché l'abbiamo imparato

a casa nostra a voce alta,

così, da allora non l'abbiamo dimenticato.

 

Contento sono del mio dialetto

che ha la voce di mia madre

e che m'infonde tanta nostalgia

 

di mio padre che parlava dolcemente,

Credetemi, ci tengo al dialetto,

altrimenti non avrei scritto questo sonetto!

 

San Vito 16/06/2017

Sonetto normale (non classico) in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DEE.

Commenti

Potrebbero interessarti