Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Comu 'nu suennu

Lu pirìutu t'la vita
ca hagghiu passatu senz'avì' pinzieri
èti la giuvintuti,
cá, propriu tannu, ti prubblemi veri
no' n'hagghiu mai tinuti.

È vveru ca è passata
comu nu suennu fattu a uecchj apierti,
cá no' m'n'hagghiu ddunatu,
però lu tinnu puru cuiddi espierti
ca sempri ccussì è shtatu.

La giuvintuti è cosa
ca, ci la passi senz'avì' prubblemi,,
s'ni vula comu vientu,
ma ci la passi 'n mienzu alli jashtemi
pierdi lu sintimientu.

Nfign'a quann'unu è giovini,
e 'ntennu tiri ca no' s'è nzurato,
prubblemi no' nc'ni shtannu;
quann'unu è già maritu s'è 'nguaiatu,
cá doppu èssi lu 'ngannu.

Lu matrimoniu servi
surtantu pi formari 'na famiglia
e pi la giuvintuti
no' nce nisciunu ca ti lu cunsiglia,
cá so' cosi saputi.

La giuvintuti mea
nà, ci è durata sì o nò tec'anni!
È shtatu ti spusatu
ca s'hannu fattu sèntiri li tanni.
Ccussì tuttu è spicciatu.

Propriu comu 'nu suennu,
'nu suennu ca oramà' m'l'hagghiu scurdatu,
'nu suennu ccussì curtu
ca sulu mali è fattu, m'è 'ìngannatu
e mi pari 'nu 'nzurtu.

E mmu' la mmaliticu,
la giuvintuti ca mi feci chianci',
percé, comu 'nu suennu,
passò, minò allu cori tanta lanci
e lu lassò durmennu.


Traduzione:

Come un sonno

Il periodo della vita
che ho passato senz'aver pensieri
è la giovinezza,
ché, proprio allora, di problemi veri
non ne ho mai avuti.

È vero che è passata
come un sonno fatto ad occhi aperti,
ché non me ne sono accorto,
però lo dicono pure quegli esperti
che sempre così è stato.

La giovinezza è cosa
che, se la passi senz'aver problemi,
vola via come vento,
ma se la passi in mezzo alle bestemmie
perdi i sentimento.

Fino a quand'uno è giovane,
e intendo dire che non è ammogliato,
problemi non ce ne sono;
quand'uno è già marito s'è inguaiato,
ché dopo esce l'inganno.

Il matrimonio serve
soltanto per formare una famiglia
e per la giovinezza
non c'è nessuno che te lo consiglia,
ché son cose sapute.

La giovinezza mia
to', se è durata sì e no diec'anni!
È stato da sposato
che si son fatti sentire i danni.
Così tutto è terminato.

Proprio come un sonno,
un sonno che ormai ho dimenticato,
un sonno così corto
che solo male ha fatto, m'ha ingannato
e mi pare un insulto.

Ed ora la maledico,
la giovinezza che mi fece pianger,
perché, come un sonno,
passò, scagliò al cuore tante lance
e lo lasciò dormendo.

Poesia in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.