Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

mascherine carnevale
Poesia di Giuseppe Vita
Carniali

È veramenti bbellu lu Carniali,
cá li crishtiani gìrunu mashcriati
e, datu puru ca ogni sghersu vali,
ni facimu 'nu saccu ti risati.

E tutti fannu sghersi origginali,
percé tennu li facci culurati
e pàrunu ca sontu tutti uquali,
in motu cu no' so' 'tentificati.

Quann'è Carniali ni mittimu 'na,
'na mashcra sobbr'a cuera ca tinimu,
ccussì facimu a vveti' all'atri ca

sapimu èssiri cuiddi ca nu' simu.
Doppu, si sapi ca n'l'hamà llivà',
ma sempri cu 'na mashcra rimanimu!

Traduzione:

Carnevale

È veramente bello il Carnevale,
ché le persone giran mascherate
e, dato pure che ogni scherzo vale,
ci facciamo un sacco di risate.

E tutti fanno scherzi originali,
perché tengon le facce colorate
e sembrano che sono tutti uguali,
in modo che non siano identificati.

Quand'è Carnevale ci mettiamo una,
una maschera su quella che abbiamo,
così facciam vedere agli altri che

sappiamo essere quelli che noi siamo.
Dopo, si sa che dobbiamo togliercela,
ma sempre con una maschera rimaniamo!

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Potrebbero interessarti