Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe
Vita Ànama tannàta
Sonetto in vernacolo sanvitese

"Ci sapi ci dda ssobbra nci shta Diu
e ci sara' nci shta lu Paratisu?
Nisciunu muertu è datu mai 'n avvisu
e quindi fazzu comu ticu iu!


'Na vota 'nu crishtianu mi ticìu
ca ci critimu avimu 'nu surrisu
ti Gesucrishtu ca fuè 'n croci misu
e perdunò ci tannu lu ccitìu.


So' 'n ommu ca s'ni freca ti l'Eternu,
percé no' ttegnu feti e mi ni vantu;
lu Paratisu mia èti cqua 'bbasciu!


Ci no' mi criti, la capu ti scasciu!
Iu so' tannàtu, cá no' sso' 'nu santu
e quannu mueru vogghiu vo allu 'Nfiernu!".

Traduzione:

Anima dannata

"Chissà se lassù c'è Dio

e se forse c'è il Paradiso?

Nessun morto ha dato mai un avviso

e quindi faccio come dico io!

Una volta una persona mi disse

che se crediamo abbiamo un sorriso

da Gesù Cristo che fu in croce messo

e perdonò chi allora lo uccise.

Sono un uomo che se ne frega dell'Eterno,

perché non ho fede e me ne vanto;

il Paradiso mio è quaggiù!

Se non mi credi, la testa ti rompo!

Io son dannato, ché non son un santo

e quando muoio voglio andare all'Inferno!".

Commenti

Potrebbero interessarti