Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
La feshta ti tutti li Santi

Lu primu ti nuvembri è feshta cranni,
percé è lu giurnu tu tutti li Santi
e toppu ca no' ssònunu li bbanni
nu' ni sintimu 'lliecri tutti quanti.

'Na feshta ca si faci tutti l'anni
e senza fa' viniri li cantanti
ca pi lli sordi vannu a tuttivanni,
facimu tuttu nui 'nvintannu canti.

Ci ti ddà ssobbra sèntunu cantari,
li Santi ni perdonunu piccati
ca hamu già fattu e cuiddi ca hama ffari.

Ci puru l'hamu sempri jashtimati,
'shtu giurnu Loro n'hanna libberari
t'lu mali, cú no' ssimu cunnannati.

Traduzione:


La festa di tutti i Santi

Il primo di novembre è festa grande,
perché è il giorno di tutti i Santi
ed anche se non suonano le bande
noi ci sentiamo allegri tutti quanti.

Una festa che si fa tutti gli anni
e senza far venire i cantanti
che per i soldi vanno dappertutto,
facciamo tutto noi inventando canti.

Se da lassù sentono cantare,
i Santi ci perdonano peccati
che abbiam già fatto e quelli che faremo.

Se pure li abbiam sempre bestemmiati,
questo giorno Loro devono liberarci
dal male, acché non siamo condannati.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema rimico: ABAB/ABAB, CDC/DCD.