Poesie di Giuseppe Vita

Poesie di Giuseppe Vita, Giuseppe Vita scrive le sue Poesie in vernacolo sanvitese, tutte le sue poesie hanno la traduzione. Leggi le più belle poesie di Giuseppe Vita.

Poesia di Giuseppe Vita - La fèmmana

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Poesia di Giuseppe Vita 
La fèmmana

Diu quannu criò la fèmmana la mesi

intr'alli mani t'l'ommu e ccussì tissi:

" 'Nt'la vita iddu hata sèrviri". Edda 'ntesi,

ma cu li uecchj allu piccatu fissi.

 

Ti tannu fuè ca 'nziem'a Adamu scesi

sobbra 'shta Terra e Diu li malitissi,

percé eran'a pajari li pritesi

pi lu serpenti t'li profondi abbissi.

 

La fèmmana ccussì è rimashta mu':

pi l'ommu edda èti sempri tentazzioni,

èti mugghieri, mamma e, 'ncora cchiù,

 

cuedda ca faci nasci' tiscussioni

pi cilusìa; pi cushtu tutti nu'

purtamu l'ànama alla tannazzioni.

 

Cú ni sia ti lezzioni:

la fèmmana ni sapi cchiù t'lu tiàvulu,

cá sapi frattiscià' sotta lu tàvulu.

 

Traduzione
La donna

Dio quando creò la donna la mise

nelle mani dell'uomo e così disse:

"Nella vita lui servirai". Ella comprese,

ma con gli occhi fissi al peccato.

 

Da allora fu che insieme ad Adamo scese

su questa Terra e Dio li maledisse,

perché dovevano pagare le pretese

per il serpente dei profondi abissi.

 

La donna così è rimasta adesso:

per l'uomo lei è sempre tentazione,

è moglie, madre e, ancor più,

 

quella che fa nascer discussioni

per gelosia; per questo tutti noi

portiamo l'anima alla dannazione.

 

Che ci sia di lezione:

la donna ne sa più del diavolo,

ché sa adoperarsi sotto il tavolo.

 

San Vito 22/10/2015

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

eden
Poesia di Giuseppe Vita 
La vita è 'nu ricalu

Quannu nascimu no' ssapimu nienti
t'la vita, cá nu' no' la canuscimu,
ccussì vivimu spinzieratamenti,
percé prubblemi nu' no' ni tinimu.

E mentri ca criscimu, 'nta la menti
si formunu pinzieri e nu' capimu
quantu la vita è bbella veramenti
e tuttu cuddu ca intra a nu' sintimu.

Ti cranni ni facimu lu cuncettu
ca 'nta 'shtu munnu manca quarche cosa
pi viviri cu amori e cu rispettu

'shta vita ca è ccussì maravigliosa.
Nienti cchiù 'uerri, ma surtantu affettu;
nienti cchiù spini, ma 'na sola rosa.

'Na cosa dignitosa:
la vita è 'nu ricalu ca Diu faci
a nui, cu la vivimu 'n santa paci.

Traduzione
La vita è un regalo
Quando nasciamo non sappiamo niente
della vita, ché noi non la conosciamo,
così viviamo spensieratamente,
perché problemi noi non ne abbiamo.

E mentre cresciamo, nella mente
si formano pensieri e noi capiamo
quanto la vita è bella veramante
e tutto quello che dentro di noi sentiamo.

Da grandi ci facciamo il concetto
che in questo mondo manca qualcosa
per vivere con amore e con rispetto

questa vita che è così meravigliosa.
Niente più guerre, ma soltanto affetto;
niente più spine, ma una sola rosa.

Una cosa dignitosa:
la vita è un regalo che Dio fa
a noi, per viverla in santa pace.


Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.
Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.

Potrebbero interessarti