Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 


sera
Poesia di Giuseppe Ungaretti

Sera 

Appiè dei passi della sera
Va un'acqua chiara
Colore dell'uliva,

 E giunge al breve fuoco smemorato.
Nel fumo ora odo grilli e rane,
Dove tenere tremano erbe. .

La lunga vita di Ungaretti è segnata da pochi fatti di rilevante importanza: la nascita ad Alessandria d'Egitto, che lasciò un segno non trascurabile nella sua poesia, la sua formazione a Parigi,l'esperienza della I guerra mondiale, la tragedia della perdita del figlio Antonello.
Tutti questi fatti appaiono trasfigurati in immagini poetiche, apparentemente scarne ed oscure, in realtà ricche di allusioni e di unamusicalità profonda e sommessa. 
La poesia di Ungaretti appare nel panorama lerrerario del suo tempo, come un fenomeno singolare: è chiamata poesia pura o ermetica, per l'aspirazioneazione a liberarsi di ogni dipendenza dalle norme della comunicazione loglca, e ad esaltare la parola come puro suono quasi fosse la corda di uno strumento che risonando lascia intorno a sé vibrazionI e echi che si allargano all'infinito.

Anche lo spazio che rimane bianco sulla pagina intorno alla parola isolata ha nella poesia di Ungaretti un significato e un valore: come un silenzio nel quale il suono si stacca con tutto il suo peso Nelle raccolte «L'Allegria» e «Sentimento del tempo» è compresa tutta la storia dell'uomo Ungaretti, che parla dei suoi momenti di solitudine e di contemplazione, delle meditazioni sul dolore e sulla morte e soprattutto delle amare esperienze della guerra alla quale aveva aderito inizialmente con entusiasmo, riportandone in seguito un senso di dolorosa solitudine.
A questo periodo appartiene la serie di liriche scritte al fronte, che costituiscono nel loro insieme un diario poetico, che si è venuto componendo giorno per giorno negli intervalli della guerra.

Leggi le più belle Poesie di Giuseppe Ungaretti

TAGS:

Commenti

Potrebbero interessarti