Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesie di Giovanni Prati - marionette
Poesia di Giovanni Prati

Marionette 

Al fantolino, più che pesca o mela,
piace il casotto degl'incanti, dove
un picciol mondo di figure nove
al suo cupido e fermo occhio si svela:

 né sa che dietro la dipinta tela
per fili arcani  in giocolier le move;
e crede velo il finto; e in quelle prove,
in quegli atti, in que' volti avvampa e gela.

Grandeggia quindi il fantolin con l'ora: 
e nel mondo degli uomini s'aggira,
e crede vero ciò ch' è finto ancora.


Uom poi diventa, e si travaglia e stanca
pur dietro a sogni: e il dì che l'ombra ei mira
del Ver, spìa sul quadrante, e il tempo manca. 


Poesie di Giovanni Prati
Marionette 
Da Psiche, in Poesie varie
Il  sonetto appartiene alla raccolta Psiche (1876),  cui il poeta mostra maturità e semplicità nuove rispetto alle più astruse elucubrazioni dei primi canti
Marionette è una riflessione poetica del Prati sul destino dell'uomo. La vita come una commedia di burattini, si muove ansiosa, inseguendo sogni e illusioni.
L'adulto, allora, è come un 
bambino che si appassiona - come se fossero vere - alle finzioni dei burattini, finchè sullasoglia della morte, si accorge della tendenziosità e degli inganni dell'esistenza. ma ormai è tardi.

Leggi le Poesie di Giovanni Prati

Potrebbero interessarti