Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

bosco notte
Poesia di Giovanni Pascoli 

Nella macchia

Errai nell'oblio della valle
tra ciuffi di stipe fiorite,
tra querce rigonfie di galle;
errai nella macchia più sola,
per dove tra foglie marcite
spuntava l'azzurra viola;
errai per i botri solinghi:
la cincia vedeva dai pini:
sbuffava i suoi piccoli ringhi
argentini.
lo siedo invisibile e solo
tra monti e foreste: la sera
non freme d'un grido, d'un volo.
lo siedo invisibile e fosco;
ma un cantico di capinera
si leva dal tacito bosco.
E il cantico all'ombre segrete
per dove invisibile io siedo,
con voce di flauto ripete,
Io ti vedo

Unico conforto del Pascoli, angosciato sempre per le tragiche vicende della sua famiglia, è la natura, la quale sente come madre dolcissima. Ad essa egli si rivolge come a un rifugio; e la natura suscitain lui sensazioni infinite ed indefinite: voci che provengono dalle cose, richiami, ricordi, analogie. Suoi compagni divengono la rondine, la cincia, la capinera, il chiù, i fiori di vitalba, il bosco: la vita della natura tutta vive in lui, e volentieri ad essa egli si abbandona. E gli piace non soltanto contemplare la natura, ma anche penetrarvi dentro, confondersi in quel verde, in quella vita non conosciuta ai più, vivere al su contatto.

Leggi le Poesie di Giovanni Pascoli

Commenti

Potrebbero interessarti