Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti


Poesia di Locurto Giovanni

Se pò inzegnà l'amore?



Se pò inzegnà la gioia?

Se pò inzegnà er dolore?.

Si parte da la cervice:

amore lui nun è.

Chiamelo come te pare,

però nun sai cos’è!

E sì parte dar fonno der mio core?-

No! amore lui nun è.

Chiamelo come te pare,

ma, tu pòi dimme:- lui ‘ndov’è?.

L'amore si viè inzegnato,

esce fora ch’è tutt’intrujato.

L'amore va vissuto,

sì, ma pienamente!.

Er core, và legato

a un tutt’uno colla mente:

quello, allora! Amore vero è.

Nun po’ esse inzegnato;

che si pensi de godello,

te godi un surrogato!.

Al monno c'è de bello

che chi se contenta gode,

ma quello che lo dice

chissà si pòi è felice,

o, sarvognuno de sotto je ce rode?.

L'amore l’hai da vive pienamente
core a core, ma inzieme cò la mente

‘No sguardo t’ha da servì da interuttore

Pè collegà la mente inziem’ar core.

Così da fanne sortì ‘na cosa sola

Allora sì ch’è amore e nò ‘na sòla.