Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Santalucia
Poesia di Gioachino Belli

Santa Lucia di quest'anno
Santa Luscia de quest'anno

Oggi è Ssanta Luscia occhi e ccannelel,
per urbi-e-t-orbi c'è granne allegria.
Le donne che sse chiameno Luscia
oggi vònno magnà zzuccher' e mmèle.

Doppo-pranzo dà un pranzo er zor Micchele
pe ddivozzione a sta santa, pe vvia
ch'è stato male de 'riamalatia
che ddrent'all'occhije s'è sparz'er fele
.

Pare che Iddio quattr'occhij'abbi fatto
a sta Sant'avocata de li guerci,
si ddua ne porta in fronte e ddua ner piatto;

e sti dua che jj' avanzeno li smerci,
ché accusì c'è a la Chiavica er ritratto,
cusì a la Tinta, a li Gginnasi e in Zerci
.

De Pepp'er tosto

13 gennaio 1832

La locuzione «occhi e candele» è sopravvissuta come relitto della consuetudine di vendere occhi di cera e d'argento e candele che avveniva il 13 dicembre, giorno in cui si festeggia la santa, davanti alla chiesa di S. Lucia della Chiavica (Vigolo).
L'iconografia tradizionale presenta Santa Lucia mentre mostra su un piatto
due occhi, come si legge al verso 11: di qui il malizioso sospetto che anche in questo caso si sia di fronte a un'altra manifestazione della commistione fra religione e ricchezza (simonia) di cui si rende responsabile la Chiesa.

Commenti

Potrebbero interessarti