Er zitellesimo di Gioachino Belli
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetto di Gioachino Belli
Er zitellesimo

È zzitella la fijja de Chichì?
Indovinela-grillo si sse pò.
Ce sò cquelli che ddicheno de sì,
Ce sò cquelli che ddicheno de no.
Io mo in cusscenza nu lo posso dì,
Da cristian battezzato nu lo so.
Sò ggabbole, Andrea mia, cueste che cquì
Che bbisogna vedelle ar Pagarò.
Si tte discessi cuer che ppare a mmé,
Io saría d’oppignone che la dà,
Co tuttosciò che ll’ha nnegata a tté.
Ma ssi tte preme sta materia cquà,
Dimànnelo a ppadron Bebberebbè:
Lui solo te pò ddì la verità.

28 gennaio 1832

Sonetti romaneschi di Gioachino Belli

Commenti

Potrebbero interessarti