Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 
Poesia di Giovanni Gavino Arras
Torino
Come tuo ospite
Mi hai protetto nell’ovario della torre
Stimma di una corona di petali
Colore del ghiaccio

Mostrami il tuo limpido cuore
Grata
Setaccio a quei pollini infiniti
Dell’acqua raccolta
Nelle tue vene
Al tuo colore
Un ape volò
E raccolse il suo miele
Che ora trasforma in colline
I tuoi rigidi orli
È la stessa fede
Quella che ora rivolgi all’ospite
Che scava il candido manto di neve
Come un coltello affilato
Scava le tue ossa
Sei fredda
E i tuoi modi lo dicono
E lo affidano
Al più alto strato
Di terra
Con cui ricopri
Le antiche rovine

Potrebbero interessarti