Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gavino-arras/poesia-di-giovanni-gavino-arras-arpa-celtica.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2F2aW5vLWFycmFzL3BvZXNpYS1kaS1naW92YW5uaS1nYXZpbm8tYXJyYXMtYXJwYS1jZWx0aWNhLmh0bWw=
    it-IT

    Valutazione attuale: 2 / 5

    Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Giovanni Gavino Arras  
    Arpa celtica 


    Titoli nero sull’antico seppia

    il frutto ancora acerbo

    di un baratto fra i banchi di scuola

    corrono i giorni e poi di più gli anni

    e cambia di metro il tempo, avvicina l’orizzonte all’occhio

    che lo guarda con più indifferenza

    arco sono i quattro e

    selvaggio

    il vibrato delle corde

    dell’arco organo che rincorre il tempo

    sull’onda dei quattro lustri

    ascolto “Yor time is gonna come”

    e

    come lacrime percorrono le segrete vie dell’occhio

    sulle sue note

    accendo di un dolce riverbero

    le segrete vie del sangue

    e alla fine

    il lampo perfettamente visibile

    di una chioma: la luna cometa.

    Commenti

    Potrebbero interessarti