Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Poesie di Gaspara Stampa dama

Poesie di Gaspara Stampa


"Rime" o "Sonetti d'amore" di Gaspara Stampa,  vere e proprie poesie di Gaspara Stampa.
Si tratta di uno dei primi esempi di poesia femminile di argomento profano, quasi un "Diario d'amore" come disse Benedetto Croce. Pensieri e frasi di Gaspara Stampa.


I Voi, ch’ascoltate in queste meste rime
II Era vicino il dì che ’l Creatore
III Se di rozzo pastor di gregge e folle
IV Quando fu prima il mio signor concetto
V Io assimiglio il mio signor al cielo
VI Un intelletto angelico e divino
VII Chi vuol conoscer, donne, il mio signore
VIII Se così come sono abietta e vile
IX S’avien ch’un giorno Amor a me mi renda
X Alto colle, gradito e grazioso
XI Arbor felice, aventuroso e chiaro
XII Deh, perché così tardo gli occhi apersi
XIII Chi darà penne d’aquila o colomba
XIV Che meraviglia fu, s’al primo assalto
XV Voi, che cercando ornar d’alloro il crine
XVI Sì come provo ognor novi diletti
XVII Io non v’invidio punto, angeli santi
XVIII Quando i’ veggio apparir il mio bel raggio
XIX Come chi mira in ciel fisso le stelle
XX Il bel, che fuor per gli occhi appare, e 'l vago
XXI – S’io, che son dio, ed ho meco tant’armi
XXII Rivolgete talor pietoso gli occhi
XXIII Grazie, che fate mai sempre soggiorno
XXIV Vengan quante fûr mai lingue ed ingegni
XXV – Trâmi – dico ad Amor talora – omai
XXVI Arsi, piansi, cantai; piango, ardo e canto
XXVII Altri mai foco, stral, prigione o nodo
XXVIII Quando innanti ai begli occhi almi e lucenti
XXIX Mentr’io conto fra me minutamente
XXX Fra quell’illustre e nobil compagnia
XXXI Chi non sa come dolce il cor si fura
XXXII Per le saette tue, Amor, ti giuro
XXXIII Quando sarete mai sazie e satolle
XXXIV Sai tu, perché ti mise in mano, Amore
XXXV Accogliete benigni, o colle, o fiume
XXXVI Cesare e Ciro, i vostri fidi spegli
XXXVII Altero nido, ove ’l mio vivo sole
XXXVIII Qualunque dal mio petto esce sospiro
XXXIX Se con tutto il mio studio e tutta l’arte
XL Onde, che questo mar turbate spesso
XLI Ahi, se così vi distrignesse il laccio
XLII Tu pur mi promettesti amica pace
XLIII Dura è la stella mia, maggior durezza
XLIV Se tu vedessi, o madre degli Amori
XLV Io vo pur descrivendo d’ora in ora
XLVI Alto colle, almo fiume, ove soggiorno
XLVII Io son da l’aspettar omai sì stanca
XLVIII Come l’augel, ch’a Febo è grato tanto
XLIX Qual sempre a’ miei disir contraria sorte
L Poi ch’Amor mi ferì di crude ponte
LI Vieni, Amor, a veder la gloria mia
LII Beate luci, or se mi fate guerra
LIII Se d’arder e d’amar io non mi stanco
LIV Se non temprasse il foco del mio core
LV Voi, che ’n marmi, in colori, in bronzo in cera
LVI Ritraggete poi me da l’altra parte
LVII A che, signor affaticar invano
LVIII Deh perché non ho io l’ingegno e l'arte
LIX Quelle lagrime calde e quei sospiri
LX Quinci Amor, quindi cruda empia Fortuna
LXI Chi mi darà soccorso a l’ora estrema
LXII Or che torna la dolce primavera
LXIII Questo poco di tempo che m’è dato
LXIV Voi che novellamente, donne, entrate
LXV Deh, se vi fu giamai dolce e soave
LXVI Ricevete cortesi i miei lamenti
LXVII Chi porterà le mie giuste querele
LXXIX Mentre signor, a l’alte cose intento
LXX O ora, o stella dispietata e cruda
LXXI Quando più tardi il sole a noi aggiorna
LXXII La mia vita è un mar: l'acqua è 'l mio pianto
LXXIII Deh foss’io certa almen ch’alcuna volta
LXXIV La gran sete amorosa che m’afflige
LXXV Fa’ ch’io rivegga, Amor, anzi ch'io moia
LXXVI Quando talor Amor m’assal più forte
LXXVII O de le mie fatiche alto ritegno
LXXVIII Gli occhi onde mi legasti, Amor, affrena
LXXIX La fé, conte, il più caro e ricco pegno
LXXX Prendi, Amor, de’ tuoi lacci il più possente
LXXXI Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre
LXXXII Qui, dove avien che ’l nostro mar ristagne
LXXXIII Oimè, le notti mie colme di gioia
LXXXIV O sacro, amato e grazioso aspetto
LXXXV Quando talvolta il mio soverchio ardore
LXXXVI Piangete, donne, e poi che la mia morte
LXXXVII Prendi Amor i tuoi strali e la tua face
LXXXVIII Lassa, chi turba la mia lunga pace?
LXXXIX Ma che, sciocca, dich’io? perchè vaneggio?
XC Voi, che per l’amoroso, aspro sentiero
XCI Novo e raro miracol di natura
XCII Quasi quercia di monte urtata e scossa
XCIII Qual fuggitiva cerva e miserella
XCIV A che, conte, assalir chi non repugna?
XCVI Deh perché, com’io son con voi col core
XCVII O gran valor d’un cavalier cortese
XCVIII Conte, il vostro valor ben è infinito
XCIX Io pur aspetto, e non veggo che giunga
C O beata e dolcissima novella
CI Con quai degne accoglienze o quasi parole
CII Via da me le tenebre e la nebbia,
CIII Io benedico, Amor, tutti gli affanni
CIV O notte, a me più chiara e più beata
CV Son pur questi i begli occhi e quelle, c'hanno
CVI O diletti d’amor dubbi e fugaci
CVII Or che ritorna e si rinova l’anno
CVIII Poi che m’ha reso Amor le vive stelle
CIX Gioia somma, infinito, alto diletto
CX Chi può contar il mio felice stato
CXI Pommi ove ’l mar irato geme e frange
CXII Se voi poteste, o sol degli occhi miei
CXIII Deh foss’io almen sicura che lo stato
CXIV Mille volte, signor, movo la penna
CXV Quelle rime onorate e quell’ingegno
CXVI Lodate i chiari lumi, ove mirando
CXVII A che vergar, signor, carte ed inchiostro
CXVIII Bastan, conte, que’ bei lumi, quelli
CXIX Io non mi voglio più doler d’Amore
CL Larghe vene d’umor, vive scintille
CLI Piangete, donne, e con voi pianga Amore
CLII Io vorrei pur ch’Amor dicesse come
CLIII Se poteste, signor, con l’occhio interno
CLIV Straziami, Amor, se sai dammi tormento
CLV Due anni e più ha già voltato il cielo
CLVI Mentr’io penso dolente a l’ora breve
CLVII A che pur dir, o mio dolce signore
CLVIII Deh lasciate, signor, le maggior cure
CLIX Quella febre amorosa, che m’atterra
CLX Care stelle, che tutte insieme insieme
CLXI Verso il bel nido, ove restai partendo
CLXII Se ’l fin degli occhi miei e del pensiero
CLXIII Quando mostra a quest’occhi Amor le porte
CLXIV Occhi miei lassi, non lasciate il pianto
CLXV S’una vera e rarissima umiltate
CLXVI Io accuso talora Amor e lui
CLXVII Poi che disia cangiar pensiero e voglia
CLXVIII Che bella lode, Amor, che ricche spoglie
CLXIX A che più saettarmi, arcier spietato?
CLXX Fammi pur certa, Amor, che non mi toglia
CLXXI Voi potete, signor, ben tôrmi voi
CLXXII S’una candida fede, un cor sincero
CLXXIII Cantate meco, Progne e Filomena
CLXXIV Una inaudita e nova crudeltate
CLXXV Quasi uom che rimaner de’ tosto senza
CLXXVI Se voi vedete a mille chiari segni
CLXXVII Poi che tu mandi a far tanta dimora
CLXXVIII Perché mi sii, signor, crudo e selvaggio
CLXXIX Meraviglia non è, se ’n uno istante
CLXXX Certo fate gran torto a la mia fede
CLXXXI Diversi effetti Amor mi fe’ vedere
CLXXXII La vita fugge, ed io pur sospirando
CLXXXIII Deh consolate il cor co’ vostri rai
CLXXXIV Io non trovo più rime, onde più possa
CLXXXV Io penso talor meco quanto amaro
CLXXXVI – Che fia di me – dico ad Amor
CLXXXVII Se gran temenza non tenesse a freno
CLXXXVIII Quasi vago e purpureo giacinto
CLXXXIX Lassa, in questo fiorito e verde prato
CXC Acconciatevi, spirti stanchi e frali
CXCI Comincia, alma infelice, a poco a poco
CXCII Amor, lo stato tuo è proprio quale
CXCIII Se quel grave martìr che 'l cor m'afflige
CXCIV – Chi darà lena a la tua stanca vita
CXCV Voi vi partite, conte, ed io, qual soglio
CXCVI Ecco, Amor, io morrò, perchè la vita
CXCVII Chi ’l crederia? Felice era il mio stato
CXCVIII Se soffrir il dolore è l’esser forte
CXCIX Signor, ite felice ove ’l disio
CC Al partir vostro s’è con voi partita
CCI – È questa quella viva e salda fede
CCII Poi che per mio destin volgeste in parte
CCIII Ardente mio disir, a che, pur vago
CCIV Virtuti eccelse e doti illustri e chiare
CCV Quel disir, che fu già caldo ed ardente
CCVI Canta tu, musa mia, non più quel volto
CCVII Poi che m’hai resa, Amor, la libertade
CCVIII Amor m’ha fatto tal ch’io vivo in foco
CCIX Io non veggio giamai giunger quel giorno
CCX Veggio Amor tender l’arco, e novo strade
CCXI Qual sagittario, che sia sempre avezzo
CCXII Che farai, alma? ove volgerai il piede?
CCXIII Un veder tôrsi a poco a poco il core
CCXIV La piaga, ch’io credea che fosse salda
CCXV Qual darai fine, Amor le mie pene
CCXVI D’esser sempre ésca al tuo cocente foco
CCXVII A che bramar, signor, che venga manco
CCXVIII Dove volete voi ed in qual parte
CCXIX Ben si convien, signor, che l'aureo dardo
CCXX Signor, poi che m’avete il collo avinto
CCXXI A mezzo il mare, ch’io varcai tre anni

Potrebbero interessarti