Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Racconto di Gabriele -
La ballata parkinsoniana -


La tristezza elimina l'inutile  ragione che si antepone pazzo di follia allo schieramento nel corpo dei dolori che  già sono in adunata  per lavorarmi pian pianino.  E' un genio alpino in militare compagnia  senza fretta che mi accompagna  alla sveglia delle  tre.... con  i primi strilli  alla levodopa s'inizia il consumo interiore della giornata... mia.  Dio! dove sei? loro già sono  qui e montano  la disgraziata serenata  in me parkinsoniana in unica sinfonia drammatica  gonfiano in  sottopelle la schiuma della rabbia monta,    giunge all'orlo è nel corpo stracolmo  d'ira,  l'odio  in delirio dalla bocca scarica a raffica parole invettive alla morte tenori sensazioni che nell' assalire  goccia su gocce pare non riempirsi mai.  Non ti muovi vuoi ma non puoi sei surgelato ai guai. Lo stato nervoso nel subbuglio è in attenzione  riceve gli ordini del dolore da l'imput al corpo  che pazzo burattino scappa inizia la messinscena teatrale nella stanza qua e la senza sapere dove per cosa fare alienato dal trovare la posizione strana per resistere al dolore sopraffino che dentro trita  e ritrita a suo piacere.   E' una  meravigliosa tenzone in  prospettiva dell'attimo di quiete  è il momento  che senti respirare la vita perchè  la tua anima è in apprensione per il  corpo  ma felice sopravvivi agli eventi cattivi perchè ami , ti piace troppo la vita! ... ed è per questo  nel male con l'intenso piacere di gradire si guarisce .... e la vita continua...  Non esiste diavolo che tenga si ricomincia  con i malori interiori anteriori  il logorio dell'amico  che filtra senza logica nel mio essere eeh   il mio pensiero pure filtra con interesse interiormente per  disporre con senno qualche  soluzione  di verità visto  che tutti mangiano miscredenti con fame senza saziarsi mai coloro che nel vedermi infermo  mi studianocon il volto di chi  è senza sapere.   Studio  anche io me stesso per un quando  se riuscirò  a guarire trovando a caso l'antidoto del mio male per vivere gli ultimi eventi di storia