Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti -
Poesia di Gabriele -

Toccata e fuga -


La femminilità è necessaria per amare ed essere amata
inebria con il profumo sceglie dal suo fiore l'amore
l'ape preso all'Amo dal miele vola! è una vespa...
l'uomo attratto nel bulbo di lei, per dono divino
la riempie con foga anche del suo amore...
con toccata e fuga.
Poi, con noi tra noi per sempre lì
la vita con la natura è felice sposa
contenta della fantasia nella realtà.
Ciao! cosa vuoi fortuna?
Tu, cose buone non porti.
Vuoi rompermi le uova nel paniere
con del lievito di vita a tutta birra
vai al solito modo goccia a goccia
rovini di malore la carne viva
con quel tipo che sollazza su di me.
Due mele dolci sono marce
esaurite come un tortino di fiele
da asporto in paradiso per te,
Signore!! Assaggia, gusta la zizzania.
la rabbia scortica il destino...
sfortuna dalle tue prediche
rivaluta l'enfasi del peccato
in chi chiromante pur ama
i tuoi miraggi per essere cercato
e, profumatamente venato
per un soprannaturale usato.
Freddato tremendo dall'imbattibile
natura
un deserto insabbiato d'iniziative scappa
via sulla mia scia in un attraverso corporeo
elettrizza l'anima senza motivo siamo
pronti per l'uso.
Tutto per tutti per amare, illudere, essere illusi
al lordo per ognuno al netto del pensiero, tanto
per l'altro si è solo tara vuota, palla al piede
un essere disabile lesso fesso per la società.