Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti
Poesia di Gabriele 
Sincerità

Sincerità! A mio parer ti dico
che costa molto… la vita umana che è
una favola presa in giro alla vecchiaia
per morire alla spicciolata giorno dopo
giorno, con le scarpe rotte, non si arriva
alla sera, perseguitati all'ombra della morte.
I passi lenti sono dei disabili internati
nel club degli internauti spaziali, disgraziati
sopravvivono, navigando lasciano nei blog
le orme del loro passaggio con le maledette
poesie cercano solidarietà scocciando nel
chattare altri che nascosti dietro i nomignoli
son gnomi alla ventura che cercano l'azzurro
nella calza della befana che raccoglie nel
mistero dell'amore facile si fermano in ogni
porto di pace dove c'è emozione.
Nell'equazione della vita la mente strilla
senza un motivo per vivere si esce matti,
senza la morte non s'apprezza mai il suo valore,
se nel vivere sempre non si trae mai le conclusioni
su quanto è bello il vissuto di una vita.
Passa anche da me, così mi uccidi! Non sono razzista.
Sono solo un piazzista che strilla per vivere, accontentato
dalla vecchiaia al guado con l'età, ai margini della vita.
Per strada, sono "Mostro" nel mio incurabile male
quando, tutti con un cenno salutano e scappano via.
Nel vedermi davanti allo specchio anche io lo farei,
perché rifiuto la mia immagine interiore sporca
dalla miseria d'un vissuto rovinato dall'altro che, vive e
vegeta, da troppi anni s'impone nella mia realtà.
Questa è una società che per abitudine, se ne
frega degli altri e, è difficile trovare una collocazione,
stabile, per me disabile contaminato dalla voglia di vivere
che sopporto tutto nell'eventualità d'una resurrezione
mai vista, con il morire sarà bello! Per capire il valore della vita.
Non sono analfabeta, eeh che non trovo le parole…
cocciute sono ottuse, come il mio carattere chiuso, per
timidezza non passa nulla! Nessuna voce scandita al
telefono quando ti chiamo se esci per lavorare e
t'importuno, se vai a fare la spesa, per dire di ritornare:
perché, nel sentirmi male, io ti voglio accanto a me!
Anche senza stare a parlare, mi basta guardarti quando
spontanea nel cinguettar t'involi per qualche fantasia
sognante, fantastica femmina sei nel sorridere contenta
alla natura.
Gentil nel volto ti mostri, eeh nascondi così bene la tristezza
quotidiana, malgrado tutti i guai che arrivano alla spicciolata
dalla vecchiaia anticipata dalla disabilità sulla pelle mia che
amaramente sopporta anche la famiglia.
Disgraziato!
non sò se dirlo a me che sono incapace di porre autorevolmente
un fine a questa storia con il suicidio, o a te parkinson che deridi
la mia voglia di vivere e, fai soffrire in un letargo la vita promessa,
ch'aspetta di morire in diretta.